13esima giornata Primi Calci

Villafranca – AtlEtico Taurinense 2 – 4

È arrivato il momento della verità. Alle 14.30 la capolista ci aspetta sul suo terreno.

Si parte presto, il viaggio è abbastanza lungo e il capofila, per la paura di arrivare in ritardo non si accorge di qualche limite di velocità, all’arrivo viene subito redarguito dai compagni di viaggio: cartellino giallo.

Oggi la squadra è orfana di Luca per gli impegni di campionato e così è l’occasione buona per un giovane neo-allenatore ….. ( J!!! ) …. di fare esperienza sul campo.

I ragazzi sono visibilmente preoccupati e all’ingresso negli spogliatoi c’è un vago senso di smarrimento; la squadra più forte, il campo che anziché essere d’erba sintetica è di legno, il tifo avversario che sembra organizzatissimo.

Ci pensa Mister Vittorio a caricare la squadra e il vice allenatore si improvvisa un po’ motivatore e azzarda la scommessona: “ragazzi… questi non hanno mai perso??? Bene perderanno oggi!!! Proprio qui!!! In casa loro!!!” ….. e andiamooooo…

Si parte con Giorgio centrale di difesa, Matteo e Andrea Brignolo larghi sulle fasce, Davidino di punta. Nei primi minuti la squadra avversaria spinge forte e ha diverse buone occasioni, ma Luca è molto attento a respingere o a deviare in calcio d’angolo. Proprio su un tiro dal corner Andrea è bravo ad anticipare l’avversario impedendogli di segnare. Matteo come al solito sfoggia alcuni colpi deliziosi, dribbling, rovesciate, ma la situazione di parità permane.

All’8’ alcuni cambi (Leo per Andrea e Jack per Davidino) permettono ai nostri di rifiatare un po’.

Al 12’ il gioco si interrompe, Leo è a terra dolorante, accusa una botta alla testa, i soccorsi arrivano tempestivi e tutti cercano di consolare Leo pensando ad un normale scontro di gioco mentre la moviola confermerà che si è trattato di una azione poco chiara al limite del regolamento.

Al 14’ il Villafranca capitalizza la mole di gioco proposta in questa prima frazione di gioco e si porta in vantaggio; dribbling del numero 10 che si libera al tiro e trafigge l’incolpevole Luca in uscita bassa.

I ragazzi non sembrano aver accusato il colpo e dalla panchina fioccano consigli sulle posizioni da tenere per evitare le ripartenze. Allo scadere del tempo Jack si procura una punizione dalla tre quarti ed allora sale in cattedra il prof. Matteo, che si ricorda che noi siamo l’Atletico e non importa se il campo non è di erba sintetica e non ci piace, non importa se loro sono primi in classifica e noi un po’ più indietro, non importa se loro hanno la “tribuna riservata ai padroni di casa” se una punizione la sai calciare bene il pallone si infila nel sette ed è ………gooooooooooooolllllll!!!!!!!. L’Atletico in gooooolll   1-1. Parità ristabilita.

 

Nel secondo tempo Manuele e Alessandro che si alternano centrali di difesa prosegono il gran lavoro svolto da Giorgio nel primo tempo: chiudere tutti gli spazi. Il match si regge ancora su un buon equilibrio; i ragazzi di Mr. Vittorio giocano una buona partita, molto attenti in copertura, forse un po’ meno precisi nella fase di preparazione al tiro ma tant’è, il risultato di parità permane a lungo fino a quando Jack inventa la giocata e fintando di accentrarsi disorienta l’avversario liberandosi al tiro di sinistro ed infilando un missile in diagonale a mezz’altezza.

E andiamooooo…. Ora siamo in vantaggio noi.

Il Villafranca non ci stà e prova in tutti i modi a portare al tiro tutti i suoi effettivi, ma la difesa dell’Atletico oggi gioca una delle migliori partite e Luca è una saracinesca, le prende tutte. Al 12’ prende anche una legnata sul capoccione uscendo in presa bassa, l’avversario non riesce a frenare e una ginocchiata si stampa proprio sulla tempia del nostro portierino. Viene accompagnato per un attimo fuori dal campo per i soccorsi, ma lui non ci stà, vuole assolutamente rientrare in campo e da li in poi para anche l’impossibile; grande Luca!!!

Chiudiamo il secondo tempo in vantaggio. Incredibile!!! (forse)

 

Ma non c’e attimo di pace in questo match, alla ripresa delle ostilità il Villafranca riporta il risultato in parità con una buona giocata sempre del numero 10. I ragazzi questa volta sembrano accusare di più il colpo ed infatti gli avversari prendono campo e iniziano una sorta di assedio alla porta difesa da Luca. Dalla panchina arrivano ancora consigli sulle posizioni da tenere e sulla tattica da adottare: proviamo coi lanci a scavalcare il centrocampo!

La tattica sembra vincente e sia Andrea che Jack, lanciati magistralmente da Matteo falliscono di un soffio l’aggancio che li avrebbe messi soli davanti alla porta.

Anche Leo ha una buona occasione ma calcia con poca convinzione a lato. Dalla panchina un urlo “Leo credici!!!” e lui ci crede, si lancia verso la porta avversaria e su un tiro di Andrea respinto dal portiere la palla gli carambola sulla schiena e finisce in rete. “Leoooo ci hai creduto!!! Eri al posto giusto al momento giusto!!” Atletico in vantaggio!!

 

Ma non finisce qui, dopo nemmeno un minuto su una ripartenza da centrocampo Matteo prende palla, ubriaca la difesa avversaria e a tu per tu con il portiere non fallisce. 4-2

Sul finire anche Davidino avrebbe la possibilità di arrotondare il punteggio, ma le gambe degli avversari sono il doppio delle sue e nonostante il suo sforzo incredibile non arriva sulla palla per un soffio.

 

I ragazzi sono increduli e raggianti: la profezia si è avverata. Non ci sembra vero. Abbiamo battuto la capolista sul suo terreno. C’è ancora il tempo per qualche foto, qualche dichiarazione per la stampa e le televisioni e poi tutti di corsa al Campus a tifare per i Pulcini che si giocano lo scudetto con il SanPaolo.

Daniele Carrea

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi