LE RAGAZZE DI DARIO E BETTA, TENGONO TESTA ALLA CAPOLISTA GIOCANDO TECNICAMENTE LA MIGLIOR PARTITA DELLA STAGIONE. SPETTACOLO ALLO STATO PURO

La Folgore – AtlEtico Taurinense: 3-1

Parziali: 25-22; 25-12; 19-25; 25-18

Ci presentiamo in quel di SanMauro con tutti i timori reverenziali necessari al cospetto della capolista, una formazione di giovanissime (tutte anno 2004) che nel girone ha perso solo il primo incontro il 13 novembre scorso contro la seconda forza della classifica: AllotreB e tra l’altro una sconfitta 2-3 con un tie-break tiratissimo finito 18-20 per le ospiti. Ce le ricordiamo bene le sassate della n° 10 che all’andata ci ha fatto rimanere a bocca aperta e che anche stasera dimostrerà di appartenere ad una categoria superiore. Ma noi sappiamo bene che più il nostro avversario è forte più noi tiriamo fuori energie inaspettate. Starting six classico che Dario e Betta riproporranno per tutti e quattro i set dell’incontro: Marty Carrea al palleggio con Giulia Alloatti opposto, Allegra Vallieri e Giorgia Benghi centrali, Ilaria Baglio e Martina Cassoli in banda, Laura Cossu libero. In panchina unico cambio a disposizione Valentina Vascon. Tutto è pronto, l’arbitro sale un po’ a fatica sul cestello un po’ strettino appositamente preparato per lui e fischia la prima palla del match. La rete stasera sembra leggermente più bassa del solito ed infatti vedremo che spesso riusciremo a portare attacchi e muri degni di nota. Non è detto che non rispettare il regolamento, soprattutto sull’altezza della rete, sia poi così male a volte piccole licenze rendono lo spettacolo più piacevole. Si viaggia su un buon equilibrio e la prima fase sembra di studio fra due formazioni ben messe in campo, pochi errori da ambo le parti e giocate precise. Sul 9-7 va al servizio Cassoli e l’AtlEtico ha un momento di gloria: grazie a ricezioni pazzesche da parte di Lalla e qualche sassata ben assestata dei nostri centrali otteniamo sette giocate a nostro favore e mettiamo sotto la capolista fin sul 9-13. Da qui di nuovo una fase di perfetto equilibrio, si naviga punto su punto fino a che, e ci risiamo…., ci lasciamo prendere dal panico. Ci rimontano fino aprenderci 18-18, basterebbe restare concentrate e portarle sul finire del set con questo equilibrio, invece ci infilano una serie micidiale e ci lasciano li a guardare: 23-18. Nemmeno i time-out chiamati prontamente dalla nostra panchina servono a risollevare le sorti di un set che a lunghi tratti è stato sicuramente a nostro favore. 25-22 peccato!!

Il secondo set…. Che dire?? E’ il solito secondo set dell’AtlEtico. Se avrete voglia di andare a scorrere i numeri arretrati vi accorgerete che scriviamo sempre le stesse cose da anni [che noiosi.. ndr] Partiamo male, soffriamo troppo il loro servizio, commettiamo qualche errore di troppo in ricezione e ogni volta che riusciamo a fare un punto loro ce ne infilano due o tre. Perdiamo terreno, forse anche un po’ innervosite dal fatto che le avversarie trattengono molto la seconda palla sotto lo sguardo fin troppo tollerante dell’arbitro [a fine gara il loro coach ci spiegherà che è un tipo di giocata fortemente richiesta dalla selezione regionale FIPAV di cui alcune ragazze fanno parte….boh la prendiamo buona come scusa]. Stà di fatto che non ci gira bene nulla e si aggiunga anche quel maledetto aerotermo centrale, installato proprio sulla verticale delle nostre alzate. Va beh, non c’è storia, le prendiamo 25-12 senza possibilità di appello. E come spesso succede al momento di black-out fa seguito la reazione prepotente e decisa delle nostre girls giallo-nere. Entriamo in campo nel terzo set con una determinazione mai vista e non mi si venga a dire che in questo set la loro 10 ha riposato, perché una giocatrice da sola, pur facendo la differenza, non basta a fare una squadra e poi la 10 ha la sua Arma migliore nell’attacco mentre in questo set le mettiamo in crisi proprio sulla loro difesa. Ne volete la dimostrazione? Servizio AtlEtico: Cassoli… ACE!!! Palla sul ventilatore, grrrr…. Palla loro!! La riconquistiamo, va Giò a dettare legge dalla linea di fondo campo; risultato 2-11, gliele stiamo suonando di santa ragione. Chiedono due time-out ravvicinati, non ci stanno capendo niente. Dentro la 10. Legnate da destra e sinistra si rifanno sotto e ci restituiscono il favore 10-11. Che set strano. Ma a questo giro siamo irresistibili; funzionano perfettamente le difese che offrono palloni giocabilissimi al nostro palleggio (non ci fosse il ventilatore… grrr), attacchiamo centrale e dalle bande con una buona alternanza per non offrire punti di riferimento al loro muro che in qualche occasione riesce ad ostacolarci. Ma anche noi non scherziamo e andiamo a muro con efficacia; si registra addirittura il primo muro della storia di Marty Carrea, non propriamente.. ehm… una Vatussa; muro che si va ad aggiungere agli altri di Allegra e di Giorgia. Teniamo botta, bene, ogni tanto uno strappettino in avanti per poi lasciarci avvicinare. La chiude Ilaria con una botta a 100 km/h che si stampa lungo linea di sinistra. 19-25. Ce lo siamo proprio conquistate. Nel quarto set paghiamo un po’ la stanchezza, non c’è niente da fare i set pari non ci piacciono. Partiamo di nuovo malissimo e andiamo sotto 8-1. Non riusciremo più a recuperare il gap sebbene anche in questo set le giocate di qualità, da ambo le parti, non si facciano attendere. E’ il set in cui pecchiamo un po’ di precisione in attacco andando a commettere sei errori su schiacciata dalle bande, ma tutto sommato una frazione da non buttare via. Tanto sacrificio e voglia di andare a prendere palloni a volte impossibili anche in mezzo al pubblico avversario (che non si sposta, ma va beh.. con così poco spazio a fondo campo….) Il fischio finale dell’arbitro arriva a fissare il risultato sul 25-18. Giù il cappello ragazze!! Complimenti!!! La capolista ha dovuto sudarsela questa vittoria Un po’ di numeri che non guastano mai: Errori al servizio: 4 su 77, (un record, forse la miglior prestazione dell’anno) Attacchi efficaci: 31 su 54 (60%) Punti su palla di servizio: 18 (non male) Errori in attacco: 18 su 54 (c’è da migliorare) Errori in ricezione: 11 su 94 (10% ci stà) Non ci resta che attendere la fine dei gironi invernali per scoprire chi ci sarà ad attenderci nelle qualifiche alla fase finale. Per noi il terzo posto è consolidato, negli altri gironi ancora tanta incertezza: Avigliana? Falco Volley? GS Pino?, Trofarello? CUS Alpignano?.. chiunque sarà si faccia avanti, l’AtlEtico di questa sera non avrà certo paura a confrontarsi con nessuno. #unoduetrestruzzeeeee!!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi