Tredicesima giornata volley


Volley San Paolo – AtlEtico Taurinense   3 – 0

Continua il momento NO!!

Sono quei momenti strani in una stagione sportiva, quando tutto sembra andare per il verso storto, quando anche le cose più semplici diventano improvvisamente difficili, quando stai per entrare in campo e senti quelle farfalle che girano nello stomaco e un brivido ti corre lungo la schiena facendo sentire freddo tutto attorno, quando il pallone diventa pesante come un sasso e ogni volta che ti piomba addosso sembra quasi che ce l’abbia proprio con te. Ma è proprio in quei momenti che non devi farti prendere dallo sconforto, perché non è possibile che tu abbia dimenticato tutto ciò che sapevi fare e lo sapevi fare anche abbastanza bene. E’ un po’ come andare in bici e bucare una gomma o prendere un buco che ti fa sbandare.

Beh . . . di buchi ne abbiamo presi due a distanza ravvicinata; prima il Lasalliano e poi il SanPaolo; già. . . . i mostri sacri del San Paolo, quei giganti che schiacciano ogni pallone possibile nella nostra metà campo, che rispondono ad ogni nostro timido, SI!!! troppo timido!!! attacco, che fanno punti uno dietro l’altro approfittando soprattutto dei nostri errori e non sempre per merito loro.

Partiamo discretamente bene e per i primi scambi ce la giochiamo addirittura alla pari, ma dura poco perché i nostri avversari sono più attenti, sono più cattivi e ci infilano tre o quattro palloni velenosi allontanandosi un po’. Betta chiama il primo time-out sul 3-9 ma non riesce ad accendere la luce necessaria. E il black-out continua fino al 4-19. Giochiamo meglio di sabato scorso ma paradossalmente il risultato è peggiore. Perdiamo il primo set 5-25.

Betta va su tutte le furie, così proprio non l’avevamo mai vista e fa paura persino a noi che siamo al di la del campo.

Qualche timido effetto della sfuriata si intravede e nel secondo set partiamo addirittura in vantaggio per 4-3, ma prontamente i nostri avversari spezzano il ritmo con un time-out tattico. Betta prova a cambiare modulo, facendo girare le ragazze ( e i ragazzi ) nei vari ruoli. Ce la giochiamo, ma commettiamo ancora troppi errori in fase di impostazione, troppe sviste per timidezza, per non andare ad attaccare in anticipo un pallone, per non aggredire con cattiveria il pallone sul terzo tocco, per non chiamare la palla (che è la cosa che fa infuriare tutti gli allenatori); e così perdiamo anche il secondo set mettendo però a terra 15 punti. Un po’ meglio ma non basta.

Il terzo set invece ce lo giochiamo e anche abbastanza bene, se non fosse per alcuni errori ripetuti quando conquistiamo noi il turno di battuta e regaliamo il pallone ai nostri avversari sbagliando il primo servizio. E loro di regali non ne hanno bisogno perché non sbagliano quasi niente, anzi hanno qualche elemento che si dimostra tatticamente e tecnicamente superiore alla media vista fin qui nel torneo riuscendo così a recuperare qualche palla impossibile e preparando spesso l’attacco con precisione. E per assurdo più loro ci attaccano con efficacia più noi rispondiamo con ottime ricezioni e con buone giocate. Ma la differenza in questo set, come ahimè già detto, la fanno i nostri errorini e così perdiamo con minimo scarto 25-19 un set che avremmo potuto portare a casa togliendo alla capolista la soddisfazione di fare bottino pieno anche questa volta.

Dai ragazze!!! Il momentaccio ormai è passato. Ci sono ancora due partite nelle quali tornare a giocare come sappiamo, a giocare da AtlEtico con la A maiuscola e andarci a prendere quel terzo posto in classifica che ci siamo conquistati con impegno e con fatica. Dimenticare subito gli scivoloni e tornare a picchiare forte quei palloni che da lunedì torneranno ad essere un po’ meno pesanti e soprattutto a rivedere quei bei visini sorridenti e soddisfatti che sono il simbolo delle nostre Taurine!!!

Parziali [ 25-4 ] – [ 25-15 ] – [25-19 ]

Formazione:

  1. Gaia Poletti (1 punto) – 3. Ilaria Baglio (2 punti) – 4. Nicole Lombardi (1 punto) – 5. Zoe Brosio – 7. Allegra Vallieri – 8. Federica Martinasso (11 punti) – 9. Erik Lombardi – 10. Martina Cassoli (7 punti) – 11. Martina Ravagnani (1 punto) – 12. Jacopo DiMauro (6 punti)

All. Betta Spallitta

Daniele Carrea